ArtriteReumatoide.it

Shares
Facebook Like
Twitter Tweet
Google + +1
Google + Share

Io valgo più dell’artrite reumatoide

Un giorno nella vita di Cheryl – scopri gli alti e bassi della vita familiare con l’artrite reumatoide

Sabato, ore 8:30
Apro gli occhi: è il momento di fare “l’inventario delle articolazioni”. Devo capire quali articolazioni avranno bisogno di particolare attenzione per riuscire ad affrontare una giornata ricca di impegni con i bambini e una cena fuori con gli amici.
Ore 8:35
Fatico a sollevare le coperte. Inizio lentamente ad alzarmi, ma sembra che il dolore alle ginocchia si stia diffondendo. Riuscirò a uscire dalla stanza? A quanto pare, la malattia ha deciso che oggi saranno le ginocchia a causarmi più dolore.
Ore 8:50
Sono riuscita a scendere le scale e i bambini vogliono fare subito colazione. Con fatica, verso i cereali nelle ciotole.
Ore 9:20
La piccola vuole fare il bagno stamattina. Bolle, divertimento e tanti schizzi d’acqua. Ma io non ce la faccio più. Sono devastata. La riacutizzazione di oggi è insopportabile. Non riesco a trovare l’energia per raccontare la storia dell’anatroccolo che mia figlia vorrebbe ascoltare. Sono frustrata e arrabbiata. La malattia sta nuovamente minacciando di sottrarmi questi momenti. Il mio partner deve cambiare i suoi piani per occuparsi dei bambini, mentre io mi sdraio sul divano. Sono in piedi soltanto da un’ora e ho già bisogno di una pausa.
Prima di uscire, annoto la riacutizzazione di questa mattina nel mio diario dell’artrite reumatoide che mostro abitualmente al mio reumatologo.

Ore 12:45
Il sole splende e il riposo mi ha dato un po’ di sollievo. Cerco di ricordarmi che non devo incolpare me stessa se la mia malattia e il mio programma terapeutico non collaborano al 100%. Ora che convivo con l’artrite reumatoide da qualche anno, so che ci sono cose che posso e non posso controllare. Mi sento meglio e più in forze, ma che mattinata orrenda! Non lascerò che questo mi impedisca di godermi un bel week-end. Prima di uscire, annoto la riacutizzazione di questa mattina nel mio diario dell’artrite reumatoide che mostro abitualmente al mio reumatologo. Leggo nel mio diario che, oltre all’affaticamento e al dolore, questa settimana non ho dormito bene. Riferirò questi particolari alla visita della prossima settimana. Vado al parco con la mia famiglia; diamo da mangiare alle anatre e divoriamo uno squisito picnic accanto all’area giochi.

Ore 15:30
Stiamo tornando a casa e, anche se le mie ginocchia sono ancora rigide e dolenti, mi sento meglio e sono più positiva. Riuscire ad affrontare un’altra brutta mattinata rende ancora più piacevoli le uscite al parco e i week-end.

Ore 17:10
Inizio a prepararmi per uscire con gli amici. Ci vediamo per un aperitivo in centro che abbiamo programmato da diverse settimane. Sono grata che il mio corpo, anche se esausto e dolente, diventi meno rigido man mano che mi muovo durante la giornata. Però sono nervosa perché temo che le mie ginocchia o le mie mani non riescano a reggere e a fare ciò che voglio durante la serata.

Ore 17:40
Mi lavo i denti. Sono entusiasta dello spazzolino elettrico che ho ricevuto dalla famiglia per il mio compleanno. Con questo spazzolino è molto più semplice lavarmi i denti, una delle centinaia di cose che faccio ogni giorno e che devo modificare per semplificare la mia vita. Mi farò una lunga doccia calda per allungare i muscoli, sperando anche di allentare un po’ le articolazioni.


PP-BA-IT-0523

Storie correlate

Trova l’ispirazione

Sei alla ricerca di motivazione per affrontare le sfide associate all’artrite reumatoide? Inizia tutto da te.

Leggi tutto

La quotidianità

L’artrite reumatoide è una battaglia che non va affrontata da soli. Scopri come sfruttare al meglio la tua rete di supporto.

Leggi tutto